Varese, clima teso. E resta aperto il "lodo Moretti"

varese 5

Varese, la situazione si infiamma. In campo e fuori. A Cremona arriva la quarta sconfitta consecutiva per i biancorossi, capaci di risalire sino a -3 nel terzo periodo ma poi abbattuti da una serie di triple della Vanoli. Buon esordio di Vene, appena arrivato da Reggio Emilia, male invece Okoye e Wells che a Brindisi avevano tenuto da soli in piedi la baracca, nononstante la sconfitta al supplementare. Proprio la Happy Casa, vincendo in casa della Reggiana, ha staccato Pesaro all'ultimo posto e ha riagganciato la Openjobmatis a quota otto. 

Tiene banco anche in queste ore quanto sarebbe successo al ritorno dalla trasferta cremonese. Secondo quanto riportato da "La Prealpina", una quindicina di “tifosi” ha atteso la squadra per esporre le proprie rimostranze. Alcuni esponenti degli Arditi, gruppo ultras ben conosciuto, è riuscito addirittura a salire sul bus della squadra venendo anche a contatto con Claudio Coldebella. L’intervento della Polizia ha evitato conseguenze peggiori, ma domenica Varese ha perso due volte, una in campo e una soprattutto fuori se verrà confermato il vile gesto.

MORETTI, SI VA ALL'ARBITRATO - Tiene banco, pero, a Varese la vicenda Moretti, l'ex allenatore che ha deciso di ricorrere al Collegio permanente di conciliazione e arbitrato della Legabasket, chiedendo di essere pagato per intero anche per la stagione in corso. La richiesta di Moretti fa riferimento al fatto che Pallacanestro Varese abbia pagato la buonuscita (si tratterebbe di circa 25 mila euro netti) prevista dal contratto al tecnico toscano, ma con un ritardo di alcuni giorni (12, pare). Una tempistica che il coach utilizza per tornare a bussare alla porta di Varese con richieste pesanti, almeno per una società che sta già facendo i conti con diverse difficoltà finanziarie.

La società del presidente Vittorelli ha completato gli incartamenti da spedire a Bologna, sede di Legabasket, dove vedrà discusso l’arbitrato. Il collegio sarà formato da tre arbitri (un presidente, uno indicato da Moretti, uno indicato dalla Pallacanestro Varese) e si riunirà con tempistiche piuttosto ridotte. Bocche cucite, intanto, in piazza Montegrappa: il club ha affidato la propria difesa all’avvocato Valcavi che sarà supportato dall’avvocato Cassì, uno dei legali italiani specializzati nelle questioni cestistiche.

Presto, dunque, si arriverà al verdetto di un “processo” che tiene in apprensione i dirigenti biancorossi. La richiesta di Moretti è considerata irricevibile (a essere maligni, potremmo usare un termine caro all’allenatore: "fuori luogo"), anche per gli importi, Varese è convinta di essere nel giusto (o alla peggio, di dover saldare gli interessi per il ritardo nel pagamento: va ricordato anche che Moretti al 30 giugno riconsegnò chiavi di auto e appartamento, beni di cui usufruì fino all’ultimo giorno del secondo anno di contratto) ma è chiaro che ci sia preoccupazione.

RED/ Damiano Franzetti (www.varesenews.it

ph: Ciamillo/Castoria

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.