banner sito COL 950x350

x

Brindisi ospita il derby del sud

Scritto da Redazione on . Postato in Post.it di Mario Arceri


Brindisi - VeneziaDimenticare al più presto Trento, e che sia solo un incidente nel bel percorso di Brindisi quello stop propiziato dalle bordate di Gentile e favorito dall’assenza di Banks (a proposito: auguri Adrian!). Perché arriva Sassari e la partita diventa una vera e propria sfida per il secondo posto alle spalle della Virtus da dieci e lode che per ora comanda la classifica. Vincendo, si continuerebbe a irrobustire la speranza di qualificazione per la Final Eight di Pesaro. Chi perde, può scivolare al quarto posto e forse ancora più giù nella classifica in base alla differenza canestri visto che, a due lunghezze di distanza in graduatoria, Fortitudo e Brescia sono attese da impegni certo non proibitivi, rispettivamente ospitando Trento e Pistoia, mentre Cremona prova a fermare la Virtus di Djordjevic. Ben dodici squadre si affollano nell’arco di soli quattro punti, dalla seconda alla tredicesima, il che rende ancora incerta, Segafredo a parte, la corsa verso il primo obiettivo della stagione e cioè la partecipazione alla Coppa Italia di metà febbraio.

BRINDISI E SASSARI, LE ECCELLENZE DEL SUD - Motivo in più per rendere appassionante la sfida tra Brindisi e Sassari e cioè le due eccellenze del basket del Sud che negli anni recenti è diventata ormai tradizionale, attesa e spettacolare come garantiscono i protagonisti: Bilan ed Evans, dal rendimento quasi speculare per canestri e rimbalzi, sono due garanzie in una Dinamo che dal confermato Pierre sta ottenendo prove di concretezza e che punta molto anche su Spissu e Michele Vitali, due italiani che Pozzecco sta fortunatamente impegnando e valorizzando, anche in chiave azzurra. Da parte brindisina, Banks e Brown, con un anno in più di affiatamento alle spalle, sono ormai diventati i “golden brothers” di Frank Vitucci che riceve ottime prove anche da Thompson, Stone e Martin (che salterà la partita contro Sassari sperando che il suo infortunio non sia più serio del previsto, ndr), mentre Gaspardo sta vivendo la sua migliore stagione. Zanelli non delude mai e Campogrande può essere inserito nel ristretto gruppo delle migliori sorprese di questa stagione.

Insomma, tra Happy Casa e Banco di Sardegna una bella partita, interessante per la necessità di consolidare la classifica e particolarmente motivante per il pubblico di Brindisi che proprio in questi giorni ha potuto leggere la notizia del via – si spera concreto – dell’iter per la realizzazione del nuovo palasport da 7.000 posti e di cui Supporters Magazine ha sempre testimoniato le varie fasi già dai tempi di precedenti, infruttuosi, progetti di ristrutturazione del "vecchio" Pala Pentassuglia. 

leggi anche: Con Pistoia inizia un ciclo insidioso

Mario Arceri

ph: Ciamillo/Castoria

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.