banner sito COL 950x350

x

Con Pistoia inizia un ciclo insidioso

Scritto da Redazione on . Postato in Il direttore

Dalla settimana di pausa in campionato, Brindisi esce riposata e ancora ai vertici della classifica, anche se al terzo posto. La vittoria a Trieste ha reso ancora più consapevole il gruppo di poter puntare in alto, pur non essendo ad inizio campionato l’obiettivo prefissato. Guardare alla parte alta della classifica non è proprio una cattiva cosa, anzi fa molto piacere. Dietro alla Virtus Bologna che non perde un colpo, ci sono Sassari e Brindisi che volano anche in Champions league. Insieme alle grandi di questo campionato. Milano che dopo la sconfitta proprio contro Brindisi ha cambiato passo sia in Italia che in Europa (anche se contro l'Efes ha trovato una sconfitta interna), Roma e Fortitudo Bologna in risalita posizione dopo posizione e sempre più squadre rivelazione di questo avvio di campionato.

La partita contro Pistoia, dopo due mesi dall’avvio del campionato, arriva al momento giusto per aprire un ciclo che porterà la squadra di coach Vitucci a giocare 11 partite fino alla fine del 2019, di cui sette di campionato e quattro di Champions League. E servirà per capire le potenzialità già ampiamente espresse e che necessitano solo di un sigillo per dare alla stagione un significato ancora più importante. Ovvero la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia in programma a Pesaro a febbraio 2020. 

leggi anche: Forum espugnato, il sogno diventa realtà

Bastano, secondo il mio parere, tre vittorie per essere certi dell’avvenuta qualificazione. E una di queste deve arrivare contro la Ori Ora Pistoia, squadra tra quelle maggiormente indiziate a giocarsi la salvezza. Mai sottovalutare alcun avversario, ma al momento il divario tra le due formazioni appare netto e vincere contro i toscani rappresenta un obiettivo plausibile per la Happy Casa che ha già lasciato due punti in casa contro Cantù e non può più permettersi di perderne altri per strada, almeno in casa. In caso di vittoria, le altre due vittorie (ma più ne arriveranno meglio sarà) potrebbero arrivare in qualsiasi momento nelle prossime settimane e contro qualsiasi avversario, avendo dimostrato di potersela giocare contro tutte e poter vincere su ogni campo, il Forum insegna. In Europa abbiamo ancora negli occhi la sfortunata prestazione a Salonicco, partita condotta per quasi 37 minuti e  conclusa con una sconfitta per un parziale di 20-10 preso nel finale. Sarebbe stato il “guizzo” in trasferta che ancora manca in Europa, mentre in casa il percorso è ancora netto con sole vittorie compresa l'ultima contro gli ungheresi del Falco. In attesa di vincere fuori casa, godiamoci in casa questo spettacolo.

leggi anche: Pre olimpico, il sorteggio il 27 novembre

Marino Petrelli

ph: Michele Longo (Ciamillo/Castoria)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.