banner sito COL 950x350

x

Brindisi e il finale tutto da scrivere

Scritto da Redazione on . Postato in Il direttore

MLD_0544Un po’ di stanchezza, qualche svista arbitrale, qualche giocatore fuori per infortunio. E una Leonessa Brescia mai doma. Sono, alcuni, degli ingredienti della sconfitta di domenica scorsa, arrivata dopo un tempo supplementare, quando la squadra era stremata. Un altro supplementare, dopo quello vittorioso contro Torino, per una squadra che sta un po’ rifiatando dopo le fatiche di Coppa Italia. In campionato, tornati da Firenze, una vittoria e due sconfitte esterne. Nulla di preoccupante, tutto quello che questo gruppo ha fatto fino a questo momento è già da applausi. Alla Happy Casa manca una sola partita per essere aritmeticamente salva, a otto giornate dalla fine è il primo traguardo. Basterebbe questo per una stagione già ricca.

Manterrebbe la Serie A non è del tutto scontato quando si comincia un campionato, soprattutto per una piccola realtà come la nostra, gravata anche dal solito fardello dell’assenza di un impianto adeguato. E che non sarà scontato in futuro considerato l’allargamento del campionato a 18 squadre e un calendario compresso, quello della prossima stagione, che potrebbe vedere molti turni infrasettimanali e partite molto ravvicinate.

leggi anche: Cazzolato a SM: "Restiamo umili per puntare in alto"

Servirà dunque una squadra ancora più lunga di quella attuale e con l’aggiunta di tasselli importanti per fare fronte ad una stagione davvero intensa. Torneranno, presumibilmente, le big. La Fortitudo Bologna, a cui manca davvero un passo per essere promossa, poi forse la Virtus Roma del “nostro” Piero Bucchi che però domenica scorsa, perdendo a Rieti una partita già vinta (da 42-61 al 71-65 finale) ha rimesso tutto in discussione. La forza della Virtus non si discute, ma la Legadue è un campionato pericolosissimo, fatto di buone formazioni e dove alla tecnica spesso fa spazio l’aggressività e la “cattiveria” agonistica. Brindisi manterrà la massima serie e già questo deve renderci orgogliosi. Poi, l’appetito vien mangiando e i play off sono ormai a portata di mano.

VARESE, ALTRA PROVA DI MATURITA' - Battere i lombardi, magari provando a ribaltare la differenza canestri, si parte dal meno 18 dell’andata, sarebbe un buon viatico per il rush finale, tenendo lontane Cantù e Trento che dietro spingono a tutta forza, e la Virtus Bologna che, con Sasha Djordjevic in panchina al posto di Sacripanti, sembra avviata ad un finale di stagione tutto cuore e grinta. La partita al Pala Dozza del 14 aprile potrebbe essere determinante. Per ora, testa a Varese. Una partita alla volta.

2019, IL VIAGGIO DI SM PROSEGUE - L’anno che si è aperto da quasi tre mesi è il quattordicesimo di attività di Supporters Magazine, che si avvicina a grandi passi al numero 200. Una strada nata per caso e cresciuta negli anni grazie all’aiuto di tante persone che si sono succedute al timone. Abbiamo da pochi giorni superato i 2 mila followers sulla nostra pagina Facebook. Abbiamo accolto e stiamo accogliendo nuovi partner, realizzato uno speciale video a Firenze dove siamo stati presenti in massa (rivedi qui il video). Nuove sfide e nuovi traguardi da raggiungere ci attendono e vogliamo centrarli con l’aiuto di tutti. Per questi, e tanti altri motivi anche di carattere personale augurando sempre il meglio a tutti i nostri lettori, buona continuazione di 2019!

leggi anche: Coppa Italia, considerazioni finali

Marino Petrelli

ph: Ciamillo/Castoria

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.