Brindisi, così non va! Ora lottiamo insieme

Scritto da Redazione on . Postato in Il direttore

Sassari - BrindisiCritiche e discussioni tra i tifosi dopo la brutta sconfitta a Sassari. Squadra mai in partita, alcuni giocatori svogliati e un sistema di gioco sempre in difficoltà. Ma si va avanti, si deve andare avanti. Con la partita contro Trento si chiude, almeno per quanto riguarda le partite interne, l’anno solare della Happy Casa Brindisi e con esse i numeri di SM, che tornerà il prossimo anno, ovvero venti giorni, ancora più ricco e sempre vicino alle sorti del basket brindisino. Il 2017 era cominciato con la neve e si chiude con l’avvicinarsi al Santo Natale e tanti buoni propositi. Era il 7 gennaio e Brindisi fu colpita da un’anomala nevicata che bloccò la città e impedì a molti tifosi di recarsi al Pala Pentassuglia per assistere ad una partita incredibile contro Venezia persa al supplementare, ma a lungo dominata su quelli che poi diventeranno i futuri campioni d’Italia. Nonostante la sconfitta, la allora Enel ottenne il pass per le Final Eight di Coppa Italia da ottava classificata.

Di lì a un mese, il quarto di finale contro Milano, perso per quel famoso e doloroso canestro (a tempo scaduto?) di Macvan e davanti a oltre seicento tifosi arrivati a Rimini in un qualsiasi giovedì di febbraio. Chissà quanti sarebbero, saremmo stati, se la New Basket avesse superato il turno… Dopo la terza esperienza in Coppa Italia è arrivato un periodo di appannamento che ha precluso l’accesso ai play off. Squadra stanca e finale amaro, poi l’estate ad “alta tensione”: via il vecchio main sponsor, via Sacchetti dalla panchina, dentro Dell’Agnello, budget ridotto, squadra quasi tutta nuova. Cinque sconfitte consecutive, poi una leggera ripresa con le vittorie contro Avellino e Bologna, il ritorno di Nic Moore e l’arrivo di Donta Smith al posto di Brian Randle, che doveva essere la punta di diamante, ma che ha dovuto salutare anticipatamente per il Morbo di Crohn e per altri piccoli acciacchi da cui forse mai si è ripreso dall’ultimo infortunio.

Ne parliamo di questa malattia sul nostro sito internet, spiegandone le caratteristiche (leggi qui l'articolo). In questa scelta, i lettori ci premiano: aumentano costantemente le visualizzazioni uniche in home page e in alcuni articoli che hanno superato le due mila letture. Così come, aumentano gradualmente i “followers” sui nostri canali social, Facebook e Twitter, e il canale web radio sta riprendendo forma. Cresciamo grazie all’ottimo lavoro della redazione (e non solo), aiutateci scrivendoci le vostre idee e proposte alla nostra mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

E perché no anche per legarvi a noi per qualsiasi altra attività, che sia commerciale o semplicemente di organizzazione di eventi e di crescita per la città, per la squadra e per una vita migliore, proprio nei giorni in cui una famosa classifica relega Brindisi al quint’ultimo posto per qualità di vita. Noi ci siamo e ci saremo e siamo certi che anche la squadra di basket sia un veicolo fondamentale di crescita e sviluppo per un territorio così martoriato come il nostro.

Quindi, tutti uniti contro Trento e anche nel 2018. Le critiche alla fine, ora crediamoci fino in fondo e buone feste!

#PORTALOACASA  - Invitiamo ancora una volta i tifosi ad un ulteriore passo di maturità, ovvero non lanciare in campo palle di carta, soprattutto con il nostro giornale. La società così facendo prende multe che non merita e al tempo stesso viene riconosciuto il lavoro della redazione che invece da sempre cerca di realizzare un prodotto da leggere e conservare. Piuttosto, conservate tutti il giornale e portatelo a casa, alla fine della stagione chi si dimostrerà fedele e mostrerà tutti i numeri, riceverà una bella sorpresa targata SM. Che vinca la cultura del rispetto in campo e fuori, evitiamo di gravare ulteriormente sulle casse societarie e mostriamoci ancora una volta un pubblico corretto come tutta Italia ci conosce.

(leggi anche: Happy Casa e nuove risorse)

Marino Petrelli

ph: Ciamillo/Castoria

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.